MAGO4

Nuovo approfondimento sulle principali features di Mago4: scopriamo come cambia il design della straordinaria evoluzione di Mago. 

A cura dell'Ufficio Marketing

Abbiamo già accennato che il nuovo Mago4 mantiene intatte le caratteristiche funzionali di Mago.net, pur modificandone radicalmente l’interfaccia. Il nuovo design ha a che fare non soltanto con elementi grafici, e di colore, ma supera il concetto di User Interface per abbracciare la più ampia idea di vera User Experience.

Il nuovo look è ispirato alle più recenti tendenze content before chrome: i dati e i contenuti su cui si lavora sono la sostanza primaria da percepire, mentre gli elementi dell’interfaccia restano sullo sfondo. Mago4 adotta quindi un aspetto flat, senza effetti 3D e immagini fotorealistiche, con icone stilizzate e colori pieni.

Il design di Mago4 tiene anche conto del cambiamento nel riferirsi alla dimensione e alla risoluzione degli schermi in uso. I tradizionali vincoli legati a tali caratteristiche sono oggi privi di senso, vista la multiforme gamma di device disponibili, ciascuno con valori propri. L’obiettivo del nuovo design è l’adattamento dinamico alle diverse situazioni: la nuova interfaccia applica i principi del responsive design per adeguare i gli elementi allo spazio disponibile sullo schermo. Un occhio di riguardo va anche ai dispositivi touch-screen, che, pur non essendo strumenti ideali per un’operatività complessa, sono utili per la consultazione e le operazioni di verifica o conferma. Le interfacce di Mago4 sono quindi touch friendly, responsive e dotate di spazio sufficiente al tap in alternativa al click.

Per dare a Mago4 un design fortemente intuitivo, siamo partiti da una considerazione: “Se sorge la necessità di spiegare l’interfaccia, probabilmente si è fatto un errore nelle scelte di design”. Il nuovo design comunica all’utente un messaggio chiaro sul significato di quanto visualizzato e sulle azioni possibili curando la affordance (cioè l’invito) proposta dagli elementi, attingendo al bagaglio culturale comune e a quello specifico del mondo informatico (un testo blu sottolineato suggerisce un link ad altre informazioni; tre righe diagonali all’angolo di una finestra indicano che la stessa può essere allargata, ecc.). Gli utenti possono così prevedere quali azioni verranno eseguite, a partire dall’aspetto degli elementi dell’interfaccia.

La ristrutturazione della Home Page porta a un look totalmente nuovo, dall’aspetto chiaro, pulito e leggero, caratterizzato dalla presenza di tiles (ovvero pannelli contenenti gruppi di campi coerenti), che sono anche gli elementi chiave comuni a tutta l’interfaccia applicativa. Il responsive design è garantito: le tiles possono cambiare dimensione e orientamento adeguandosi ai vari fattori di forma e all’estensione dei testi in varie lingue. L’occupazione dello spazio è migliorata, la leggibilità e la comprensione sono massimizzate.

La navigazione è intuitiva; le funzionalità desiderate sono richiamate con pochi click e l’aspetto della Home Page è personalizzabile, per adattarsi ai flussi operativi quotidiani, nascondendo gli elementi utilizzati con minor frequenza. Un potente sistema di ricerca permette di trovare rapidamente qualsiasi funzionalità applicativa o del framework: sono infatti implementate tutte le classiche funzioni di ricerca, preferiti, last-used e pinning.

Tutte le finestre dell’interfaccia applicativa (data-entry, batch, wizard, form, ecc.) sono revisionate nell’aspetto e nell’organizzazione delle informazioni. I dati sono raggruppati per logica di funzionamento e significato nel nuovo contenitore rappresentato dalle tiles, che possono essere collassate dall’utente, pur continuando a portare informazioni. Nella prima pagina del documento tutto il necessario è a portata di mano, mentre altre informazioni non basilari si trovano in schede accessorie. Lo stesso risultato è ottenuto nell'Activity Panel grazie al modello Accordion: procedendo nell’attività, le sezioni collassano o si espandono. Sono presenti anche altri elementi caratterizzanti, quali i selettori laterali dotati di icona e descrizione personalizzabili e un header sintetico e descrittivo, pensato per richiamare le informazioni che si vogliono sempre visibili (ragione sociale del cliente, numero del documento, ecc.).

Anche le toolbar di Mago.net si trasformano: da strisce uniformi di piccole immagini, le funzioni passano a differenti zone dello schermo. Le nuove toolbar sono più leggere, grazie ai bottoni drop-down, e si possono muovere liberamente; sono ridotte di numero (le funzioni accessorie sono in pannelli informativi separati), hanno icone più grandi, utili su uno schermo touch, accompagnate da un testo descrittivo per facilitarne la comprensione. Le icone disponibili cambiano a seconda del contesto e delle azioni possibili.

Cambiano colori, font e altri elementi grafici: una potente tecnica di templates raccoglie gli stili dei diversi componenti per modellare il prodotto sui gusti del singolo utente. In questo modo è facile creare un’esperienza d’uso familiare, anche tra diverse applicazioni e prodotti.

Queste sono solo alcune delle novità che potrai presto sperimentare con Mago4, legate principalmente all’interfaccia del prodotto. Se sei curioso di scoprire altre features innovative che rivoluzioneranno il tuo ERP, non ti resta che seguire le prossime edizioni del blog!