Inauguriamo oggi  la nuova rubrica “Visti da vicino”: un contenitore di informazioni che non mancherà di stupirti per l’eclettismo. Studiata per raccogliere notizie di varia natura e diverso genere, questa sezione vuole esserti vicina anche nel modo di parlare, con un linguaggio diretto e colloquiale.  

Questa sezione del blog Microarea comincia affrontando un argomento tecnico, articolato e di fondamentale importanza nell’ambito della produzione: il sistema MRP. Parliamo quindi di pianificazione, con un occhio di riguardo per tutti coloro che, pur non essendo tecnici, hanno bisogno di avere ben chiari i processi interni all’azienda e le soluzioni proposte da Mago.net

a cura dell'Ufficio Marketing 

MRP  è l’acronimo di Material Requirements Planning, che tradotto in italiano suona come pianificazione dei fabbisogni di materiale.
L’MRP come lo conosciamo oggi risale ai primi anni '70 del 1900, quando nasce in contrapposizione alla tecnica di approvvigionamento dei materiali basata sul punto di riordino (Rop o Reorder Point). Il vantaggio maggiore dell’MRP nei confronti del Rop risiede nella sua capacità di minimizzare le scorte di materiale, migliorando contemporaneamente il livello di servizio al cliente.

Scopo dell’MRP è pianificare gli acquisti e la produzione, tenendo conto dei vincoli imposti dalle risorse presenti nello stabilimento. Il  fattore critico per ogni azienda di produzione è la risposta a tre domande fondamentali: che cosa, quanto e quando produrre e acquistare. L'MRP è lo strumento che serve per rispondere a questi interrogativi, dato che il suo scopo è assicurare la disponibilità dei materiali nella quantità giusta e al momento opportuno. Sembra importante, vero? Lo è, soprattutto in relazione alla gestione delle scorte di magazzino, uno dei problemi più sentiti: le scelte in questo campo si riflettono sia sul processo tecnico-produttivo che su quello economico. È facile intuire infatti come  lo stoccaggio dei materiali sia costoso, mentre una sua ridotta quantità possa portare a irregolarità produttive. 

Un'accorta pianificazione permette gli approvvigionamenti di materie prime e di semilavorati solo quando effettivamente richiesti. Per raggiungere l’obiettivo, l’algoritmo MRP riceve come input  lo stato di avanzamento della produzione in corso, la situazione delle scorte, la domanda di mercato, i tempi di approvvigionamento e produzione e le previsioni di vendita,  producendo come output una proposta di ordini di produzione e di acquisto per soddisfare le richieste. Per ottenere questo risultato il sistema MRP verifica anche che il tempo necessario alla produzione, calcolato in ore di  lavoro sia umano che di macchine (compreso il tempo necessario alla loro predisposizione), non superi la reale disponibilità. In tal modo si ottiene un piano di produzione realistico, che risponde in modo funzionale alla domanda di mercato.  In questo modo possiamo sapere che cosa, quanto e quando produrre e acquistare.

Concettualmente, quindi, l’analisi MRP conduce alla pianificazione e al soddisfacimento nel tempo di una serie di fabbisogni di articoli di diversa natura (acquisto, semilavorato o prodotto finito) tramite la generazione di Richieste di Acquisto (RdA) e Ordini di Produzione proposti (OdP proposti).
Cosa significa? Per semplificare, immaginiamo di dover cucinare un pranzo completo, dall’antipasto al dolce: L’MRP ci dice in che modo fare la spesa, quali e quanti alimenti comprare, con che tempistica preparare le portate e come ottimizzare l’uso del forno per servire i piatti nella giusta sequenza e senza ritardi. In pratica l'MRP trasforma i fabbisogni dei prodotti finiti (le pietanze da servire) nei fabbisogni dei componenti e delle materie prime (gli ingredienti da comprare o preparare). Ma c’è di più: l’MRP sa che qualcosa è già “in dispensa” ed ecco allora che parliamo di nettificazione, cioè del calcolo di quanto bisogna produrre al netto delle scorte. Cominciando ad allestire il nostro pranzo con dovuto anticipo, siamo anche in grado di  portarci avanti con la preparazione e cogliere le migliori offerte sul mercato; possiamo organizzarci in modo tale che in dispensa sia sempre presente una scorta minima di ingredienti. Trasponendo l’analogia in azienda, vediamo come il sistema MRP tenga conto di tutto ciò e sia in grado di calcolare il flusso di entrata e uscita di prodotti e componenti dal magazzino, fornendo una previsione giornaliera della situazione.

Se quello che stai cercando è proprion un modo per incrementare la produttività della tua azienda e ridurre al minimo i seccanti tempi di attesa e i costi di produzione,  Mago.net può aiutarti grazie alla sua funzionalità MRP. Vediamo come e perché.

La pianificazione MRP di Mago.net è lo strumento flessibile ed efficace che ottimizza la programmazione della produzione.  Tramite il wizard che Mago.net mette a tua disposizione, il sistema considera la consistenza di magazzino, le materie prime da acquistare e gli articoli da produrre, generando proposte di acquisto e di ordini di produzione che possono essere consolidate attraverso la procedura di Conferma ordini proposti e Generazione ordini al fornitore da RdA.

L’MRP di Mago.net permette di sapere in ogni momento di che cosa bisogna approvvigionarsi per portare a termine senza ritardi la produzione in corso e quali sono le date più indicate per tali approvvigionamenti. Al lancio della procedura è possibile intervenire sulla modalità di nettifica, sui giorni di calendario da escludere, su eventuali carichi da fornitore da considerare in anticipo, impostando le politiche di produzione preferite. Al termine dell'elaborazione MRP appositi reports consentono un'analisi della situazione.

Pianificare significa scegliere tra diverse alternative potenzialmente valide. Per questo motivo, l'MRP di Mago.net permette di tenere contemporaneamente in linea infinite simulazioni che possono essere confrontate tra loro, prima di decidere quale di esse soddisfa meglio la produttività aziendale.

L’analisi preventiva dei costi di produzione realizzata attraverso le funzionalità dell’MRP di Mago.net permette una valutazione oggettiva e fornisce un concreto supporto alle decisioni finali. Anche i costi consuntivi delle singole produzioni sono costantemente sotto controllo e aggiornati: l’elasticità totale e la decisionalità completa tanto in fase di simulazione quanto in corso d’opera sono pienamente garantite.

La distinzione tra articoli da produrre e articoli da acquistare non è sempre netta. Può capitare che sia più conveniente acquistare direttamente dai fornitori articoli solitamente prodotti in azienda (e viceversa).
In casi come questo l’analisi MRP di Mago.net può attivare l’opzione Make or Buy, che consente, in fase di Conferma Ordini di Produzione Proposti, di scegliere se generare un Ordine di Produzione oppure un Ordine a Fornitore. Una volta correttamente completata la pianificazione, puoi decidere di convertire automaticamente una qualsiasi futura attività produttiva interna in un corrispondente ordine di acquisto a fornitore.

Sono ancora molte le funzionalità dell’MRP di Mago.net: se sei un tipo più “tecnico” o semplicemente vuoi approfondire l’argomento, visita l’Help&Information Center, o segui lo specifico corso on line. Sul canale YouTube di Microarea trovi anche una breve animazione dedicata ai vantaggi assicurati da Mago.net nel gestire la produzione.

In ogni caso, non mancare al prossimo appuntamento con la nuova rubrica: sono in arrivo per te notizie fresche dal mondo Microarea, in attesa della prima monografia di “Visti da vicino”!